9 febbraio 2014, Castelmezzano-Pietrapertosa: prima escursione dell’anno bagnata!

arcUna quindicina di intrepidi escursionisti  hanno  inaugurato l’anno escursionistico di Lanius nonostante il meteo incerto; così, radunati tutti all’imbocco del  “sentiero delle 7 pietre” a Castelmezzano, sotto nuvoloni che si rincorrono veloci spinti dal vento, abbiamo cominciato la discesa sino al greto del torrente Caperrino, per poi risalire verso Pietrapertosa.

Ci hanno accompagnato lungo l’antica mulattiera alcune  installazioni artistiche tratte dal testo “Vito ballava con le streghe” di Mimmo Sammartino ed ispirate a racconti di “magia” tramandati di generazione in generazione tra le genti di questi borghi. Oltre alle suggestioni artistiche, gli escursionisti sono stati colpiti da quelle paesaggistiche, con le splendide guglie rocciose arenacee ad incorniciare la stretta valle e da quelle naturalistiche, tra tambureggiamenti di Picchi, voli di Nibbi reali e l’impetuoso corso del Caperrino, superato grazie ad un ponte romano.

La salita si avverte e le pendenze sono dure, mentre il vento e qualche goccia di pioggia ci ricordano che siamo in inverno. Per fortuna il sole torna ad illuminare la valle e saliamo spediti ed asciutti, attraversiamo Pietrapertosa, dirigendoci ai ruderi del Castello saraceno; qui ci accoglie un cielo insospettabilmente terso e lo sguardo arriva sino alle Murge pugliesi, ma Eolo impetuoso ci costringe a rifugiarci nella “Rabata” di Pietrapertosa, tra vicoletti e pareti arenacee. Uno spuntino veloce presso una rosticceria incrociata nel borgo e via…si riprende velocemente la mulattiera, il cielo si è fatto nuovamente minaccioso.  Al contrario di quanto accaduto in mattinata, quelle del mezzodì non sono solo minacce e ben presto la pioggia comincia a cadere con convinzione, mentre tutti ci armiamo di mantelle impermeabili, ma soprattutto di tanta pazienza.

Sotto una pioggia a tratti abbondante, arriviamo alle auto; si aspetta che spiova, si aprono piccoli squarci di cielo azzurro tra le nubi, mentre l’arcobaleno sembra annunciare il ritorno del sereno. Il sereno arriva, di fatto, molto dopo, quando ormai, riprese definitivamente le auto, siamo sulla strada del ritorno…  torniamo a casa comunque soddisfatti, con la promessa di ritornare a godere in primavera-estate di questi splendidi panorami “dolomitici”.

Un grazie a tutti i partecipanti per la compagnia e la condivisione!

 

10 merchandise to never bargain inside the tween’s wardrobe
burberry schal Tips on How to Make a Homemade Acne Treatment

Are tights with shorts inappropriate for summer
Chanel Espadrilles2 To Consider In 2012