Stipa austroitalica, rarità botanica minimalista

stipa-austroitalica-raparo

La Stipa austroitalica appartiene alla famiglia delle POACEAE dette comunemente graminacee.
Questa rarità botanica può sembrare anonima per gran parte dell’anno ma il nome italiano della specie, Lino delle fate piumoso, rende bene l’impressione che il suo aspetto deve aver comunicato a chi ha le ha assegnato il nome.
La stipa è una graminacea che tra maggio e luglio produce una infiorescenza leggera e setosa che, insieme alle foglie lineari, sottili e convolute, conferisce a questa pianta erbacea perenne un portamento leggero.
L’infiorescenza si compone di spighe che, con le reste piumose, raggiungono la lunghezza anche di 25 cm; le reste persistenti offrono facile presa al vento favorendo la disseminazione delle cariossidi.
La stipa è un raro endemismo presente in Puglia, sul Gargano e sulle Murge, in Basilicata, in Calabria settentrionale e in Campania orientale.
Sottospecie distinte si trovano in Molise e in Sicilia nord-occidentale.
In Basilicata la specie è presente con diverse stazioni nelle aree calanchive o ai margini di colture o incolti dove spesso forma belle praterie steppiche anche fino ad altitudini elevate. L’esempio più spettacolare è offerto dall’altopiano murgiano, dove la Stipa forma estese praterie in associazione con altre essenze tipiche dei prati aridi mediterranei.
Per la sua rarità è stata inserita nell’Allegato II della Direttiva 92/43/CEE come “specie d’interesse comunitario la cui conservazione richiede la designazione di Zone Speciali di Conservazione”.

di Caterina Coppola

stipa-mag-11

 

but the prices are generally more expensive
lous vuitton speedy SELL H Jeans and Chinos

Some of the ideas discussed in the article are streamlined silhouettes
woolrich outletWhat’s Your Jewellery Really Worth